Sistemi di negoziazione per la negoziazione. Le sedi di negoziazione nell’ambito della disciplina MiFID II e MiFIR | Diritto Bancario

Mercato finanziario - Formazione finanziaria - MoneyController

Ghielmi C. Tale soggetto infatti, a differenza di quanto previsto per i mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione piuttosto che per gli OTF, effettua le operazioni del cliente, su base bilaterale ed impegnando capitale proprio, non potendo quindi combinare gli interessi di acquisto o vendita in modo funzionale come le sopraccitate venues.

Rispetto a quanto previsto dalla MiFID poi, nuove regole di trasparenza pre e post trading vengono introdotte con riferimento anche alle negoziazioni di prodotti sistemi di negoziazione per la negoziazione dalle azioni, ovvero obbligazioni, ETF, prodotti finanziari strutturati cd. Non vengono invece recepite le indicazioni riguardanti la previsione di tempistiche diverse di compliance per quelle imprese che si dovessero qualificare per la prima volta come internalizzatori.

Per i calcoli di cui sopra i dati storici dovranno coprire un periodo di almeno sei settimane. Accanto ad esso convivevano altre realtà, ovvero i cd. I sistemi di scambio organizzati venivano quindi in rilievo solo per le contrattazioni cd. La Direttiva 21 aprilen. In virtù di tale ultima previsione, la gestione di sistemi multilaterali di negoziazione diventava quindi un servizio di investimento[24].

I mercati finanziari Cosa sono I mercati sono i "luoghi" dove è possibile acquistare o vendere strumenti finanziari azioni, obbligazioni, derivati, quote di fondi ecc. Una prima distinzione è fra: mercato primario — dove si acquistano i titoli al momento dell'emissione; mercato secondario — rappresentato dai mercati finanziari dove si acquistano titoli da chi li ha già sottoscritti. I mercati finanziari non sono più luoghi fisici ma piattaforme informatiche "sedi di negoziazione" dove si "incrociano" le proposte di acquisto e di vendita di strumenti finanziari immesse nel sistema telematicamente. Mercati regolamentati Sono sistemi dove, nel rispetto di un regolamento, vengono immesse da più intermediari, per conto proprio o dei loro clienti, proposte di vendita e di acquisto di strumenti finanziari.

Il fenomeno degenerativo legato a tali finanziamenti ed il relativo crollo dei titoli che incorporavano questi assets, nonché la mancanza di un mercato efficiente e trasparente, hanno causato una forte crisi di fiducia tra investitori professionali e intermediari. Questa situazione ha, di conseguenza, determinato un aumento del costo di finanziamento delle banche, una quasi totale illiquidità dei mercati OTC dove venivano scambiati i titoli cartolarizzati e, da ultimo, evidenti tensioni sul mercato interbancario: la crisi di liquidità fuori da mercati regolamentati si è quindi tradotta in crisi di liquidità bancaria a causa della mancanza di fiducia e del potenziale rischio di controparte.

A tutte queste sedi vengono applicati requisiti uniformi di trasparenza pre e post negoziazione: questi ultimi variano quindi non in base alla trading venue prescelta, piuttosto che in base al tipo di strumento negoziato; in particolare vi è una macro distinzione tra quelli rappresentativi di capitale[26] azioni, certificati di deposito, fondi indicizzati quotati, certificati ed altri strumenti finanziari analoghi e quelli non rappresentativi di capitale[27] obbligazioni, strumenti finanziari strutturati, quote di emissione e strumenti derivatiovvero per il tipo di negoziazione prescelto, impostato sugli ordini o sulle quotazioni[28]; allo stesso modo i requisiti che riguardano gli aspetti organizzativi e la vigilanza del mercato applicabili a tutti e tre le sopraccitate sedi sono quasi identici.

Mercati regolamentati

In tal modo è stata garantita la parità di condizioni laddove esistano attività simili dal punto di vista funzionale che riuniscono gli interessi di negoziazione di terzi: caratteristica comune è la neutralità della piattaforma.

Al contrario, il gestore di un sistema organizzato di negoziazione ha maggiori margini di discrezionalità. Pertanto, per quanto sia necessario che le norme in materia di metodologia di accesso ed esecuzione di un sistema organizzato di negoziazione siano chiare e trasparenti, esse consentono al gestore di prestare ai clienti un servizio qualitativamente e funzionalmente diverso dai servizi offerti nei mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione ai rispettivi membri e partecipanti.

sistemi di negoziazione per la negoziazione

Per garantire la neutralità del gestore di un OTF in relazione a qualsiasi transazione effettuata ed evitare che i doveri nei confronti dei clienti vengano compromessi dalla possibilità di ricavare profitti a loro discapito, è stato vietato al gestore di impiegare capitale proprio nelle negoziazioni[31]. Similmente sono stabilite pressoché identiche condizioni afferenti gli sistemi di negoziazione per la negoziazione organizzativi e la sorveglianza del mercato in ciascuna delle tre sedi di cui supra.

sistemi di negoziazione per la negoziazione

È tuttavia importante ribadire che i requisiti di trasparenza sono stati calibrati in base alle molteplici tipologie di strumenti quali azioni, obbligazioni, derivati e alle diverse tipologie di negoziazioni, tra cui portafoglio ordini e sistemi basati sulla quotazione. Alcuni brevi spunti sui sistemi organizzati di negoziazione Differenza tra gestore di OTF e internalizzatore sistematico A questo punto pare quindi agevole individuare le principali differenze tra i gestori di OTF e gli internalizzatori sistematci.

Questa operatività viene espressamente consentita a quegli intermediari finanziari che prestano il servizio di investimento di negoziazione in conto proprio[34]. Discorso in parte diverso va fatto per i gestori delle trading venues o, almeno, nei confronti di alcune di esse.

Cos’è un mercato finanziario?

I gestori di OTF, potendo gestire dove fare soldi per i pensionati negoziazioni su base discrezionale, potranno invece operare matched principal[36]ma solo per i prodotti non equity obbligazioni, prodotti finanziari strutturati, quote di emissione e derivati e nei casi nei quali il cliente abbia acconsentito al processo[37].

In tali situazioni il gestore di un OTF dovrà fornire alla propria Autorità competente informazioni relative al modo in cui viene effettuata la negoziazione matched principal[38].

I Broker Crossing Networks I sistemi di broker crossing possono essere descritti come sistemi elettronici interni, alternativi ai sistemi di negoziazione ordinari, di messa a confronto, utilizzati da imprese di investimento che eseguono gli ordini dei clienti a fronte di ordini di altri clienti. Respondents emphatises that the market value would otherwise introduce volatility into calculation. They also stressed that market valuation is currently based on methodologies which are not standardized and, thus, difficult to compute.

Continua a leggere:

È opportuno che i requisiti di trasparenza siano calibrati in base alle diverse tipologie di strumenti finanziari, ivi comprese azioni, obbligazioni e strumenti derivati, tenendo in conto gli interessi degli investitori e degli emittenti, tra cui gli emittenti di titoli di Stato, e la liquidità di mercato.

Poiché un OTF costituisce una vera e propria piattaforma di negoziazione, il gestore della piattaforma dovrebbe essere neutrale.

sistemi di negoziazione per la negoziazione

Anche in questo caso, i requisiti di trasparenza sono calibrati in base alle molteplici tipologie di strumenti, quali azioni, obbligazioni e derivati. Qualsiasi negoziazione per conto proprio effettuata da imprese di investimento con i rispettivi clienti, ivi comprese altre imprese di investimento, viene pertanto considerata fuori listino OTC.

Per i sistemi multilaterali e organizzati di negoziazione si estenderanno alle obbligazioni e agli strumenti finanziari strutturati ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato o per i quali è stato pubblicato un prospetto, nonché alle quote di emissione e agli strumenti derivati negoziati sui sistemi multilaterali e organizzati di negoziazione.

Le sedi di negoziazione nell’ambito della disciplina MiFID II e MiFIR

Gli Stati membri autorizzano le imprese di investimento e i gestori del mercato che gestiscono un sistema organizzato di negoziazione ad effettuare matched principal trading per obbligazioni, prodotti finanziari strutturati, quote di emissione e taluni derivati, esclusivamente nei casi in cui il cliente abbia acconsentito al processo.

Le imprese di investimento devono pertanto effettuare tutte le transazioni, comprese quelle effettuate per conto proprio e quelle in esecuzione degli ordini dei clienti, in un mercato regolamentato, in un sistema multilaterale di negoziazione su un internalizzatore sistematico o negoziazioni equivalenti di paesi terzi.

È tuttavia opportuno prevedere una deroga dal suddetto obbligo di negoziazione se esiste una motivazione legittima. Le motivazioni legittime riguardano i casi in cui le negoziazioni sono non sistematiche, ad hoc, irregolari e saltuarie, oppure sono tecniche, come le transazioni give-up che non contribuiscono al processo di formazione del prezzo.

  • Recensioni di opzioni binarie mesco
  • ImprenditoriI sistemi multilaterali di negoziazione - Imprenditori - Competenze in circolo

Potresti essere interessato